19 Set 2017

Cosa è il Coaching?

Il Coaching si rivolge persone sostanzialmente indipendenti ed autonome che desiderano migliorare le proprie prestazioni (personali o lavorative) e ricercano quindi un aiuto esterno che possa facilitare questo processo di miglioramento. È un’attività di origine anglosassone tesa ad allenare le qualità già in possesso di una persona in vista di sfide future o per raccogliere le energie in momenti di difficoltà. La parola deriva da “coach” che letteralmente significa la “vagone del treno”. Proprio come un vagone, il Coach trasporta il cliente dal punto A al punto B in un determinato periodo di tempo sfruttando tecniche di motivazione, riflessione e sviluppo delle proprie possibilità in linea con le proprie attitudini naturali. Nel secolo scorso l’uso più noto del termine Coach è stato in ambito sportivo, un vero e proprio allenatore. Da qualche decennio la medesima parola è applicata in ambito aziendale e manageriale (Business Coaching, Executive Coaching) e personale (Life Coaching).

Il coaching si differenzia dagli interventi di psicoterapia e counseling poiché non è orientato alla cura di disturbi psicologici o alla risoluzione di specifici problemi, bensì allo sviluppo delle proprie risorse e far sbocciare il talento e le potenzialità degli individui a vantaggio di una competenza da sviluppare o di un risultato da raggiungere.  Il Coach aiuta il cliente (a volte definito Coachee) a focalizzare i propri obiettivi e priorità e lo supporta nel mantenere e portare a termine il programma concordato.

Ogni intervento di coaching trova significato e valore attraverso il riscontro oggettivo degli obiettivi e dei traguardi progressivamente raggiunti (Key Performance Indicators). In altri termini, non esiste un intervento di coaching se non ci sono successi misurabili a fronte di obiettivi precisi.

Un buon coach è in grado di guidare il cliente a sviluppare le sue qualità e il suo talento in vista del raggiungimento di specifici obiettivi, e lo deve fare nel modo il più possibile rapido ed efficace. L’efficacia, l’efficienza e l’essere pragmatico si configurano come elementi fondamentali nella relazione di coaching. Per questo motivo il coaching è spiccatamente orientato sul presente e sul futuro e sullo sviluppo delle risorse del cliente, evitando di affrontare la risoluzione diretta di eventuali problematiche emotive o cognitive.

Lascia un commento